lunedì 29 aprile 2013

Il Bruco e il Serpente

Ho pensato che fosse un peccato buttare i tappi che abbiamo avanzato dal  "paplet" ; cosi ho preso una vite arroventata e ho fatto dei buchi nel centro.
Con una stringa Leo si è cimentato infilandone uno dietro l'altro, creando una collana.
L'esercizio è risultato molto difficile. Infatti la stringa dispettosa, una volta infilata, spesso si sfilava prima che le dita del piccolo riuscissero a recuperarla dall'altra parte.
La parte indubbiamente più divertente per lui è stata la scelta dei colori e delle forme dei tappi.
La pazienza è finita subito e il piccolo si è divertito di piu a tirare "il verme" per terra...da quì l'idea!
Mentre lui era tornato alle amate macchinine, io mi sono impossessata di spago e tappi e ho creato un BRUCO e un SERPENTE, semplicemente abbinando i tappi per colore.
Il ragazzo ha apprezzato l'invenzione trascinando i nuovi amici per l'intera casa.
Ora però, sono diventati anche graditi ospiti della nostre passeggiate nel parco, infatti suscitano interese presso gli amichetti di Leo, che sono in questo modo disposti a barattare (momentaneamente, s'intende!) una macchinina per un giro con il bruco ;-)
Ma ho scoperto che il Bruco e il Serpente hanno anche una amica vituale: la medusa !

Con questo post partecipo al riciclo creativo per bambini di Mammabook.


sabato 27 aprile 2013

Parlando di Fiori in Testa


Oggi vi voglio parlare di un blog veramente delizioso, di quelli che ti rendono allegra al solo leggerli.
 Di quelli che quando li leggi poi ti prudono le mani perche avresti voglia di prendere subito cartone, colla e forbici e cominciare a trafficare.
Se poi avete un bimbetto di 2 o 3 anni, allora non potrete piu vivere senza consultarlo periodicamente!
Così almeno è successo a noi :-)
Qual'è?! fiori in testa !!



Francesca Rossi è una illustratrice di libri per bambini piena di fantasia.
E' anche molto generosa; infatti spesso mette a disposizione i suoi "free-printable", schede da stampare e colorare, ritagliare, incastrare per costruire giocattoli semplici, riciclosi, sempre molto apprezzati dai piccoli scopritori del mondo.

Noi ci siamo molto divertiti in particolare con questi due progetti.

IL COCCODRILLO
Abbiamo scaricato da qui i disegni, tagliato e riportato le sagome sul cartone e assemblato il tutto.
 A questo punto ho dato il coccodrillo in pasto al mio Leo-Leone che lo ha "accuratamente" dipinto.
 L'artista è molto concentrato mentre lavora
 e controlla spesso la sua opera.
E' a questo punto che  ho scoperto il coccodrillo come fa: ROOOAAAAAARRRGGGGGGHHHHHHH!!!
Che mostro terribile: fa proprio PAURA!!!!

************************************

"IL PAPLET" ovvero il tablet in cartone
La descrizione dettagliata la trovate qui. Noi abbiamo seguito pedestremente le istruzioni.
Per la realizzazione ci si deve procurare dei tappi di plastica delle bottiglie del latte o dei succhi di frutta + un cartone + un po di colla.
Sul cartone si fanno con il taglierino dei buchi del diametro dei tappi,

Si scaricano le varie schede (colori, animali,...) . Io le ho inserite nelle buste di plastica trasparenti con un cartoncino per renderle plastificate e più resistenti.
Si ritagliano i cerchietti da incollare ai tappi, 
e si comincia a giocare!
Ci sono diverse schede, ognuna con un gioco differente:
* metti ogni tappo colorato nel buco dello stesso colore

* metti ogni tappo con il particolare sull'animale corrispondente

*memory trovando le coppie
*associa il colore di ogni animale

Dopo un pò la pazienza finisce,
Leonardo si distrae e si mette a fare il buffone!

domenica 14 aprile 2013

Fuga romantica

Ebbene si, lo scorso weekend abbiamo fatto una fuga d'ammore.
I nonni (santi subito!) sono andati a prendere Leonardo al nido concedendoci un intero lungo weekend "da fidanzati". Eravamo una mamma e un papà in vacanza dal proprio figlio.
All'inizio il pensiero correva a lui e ci ritrovavamo a sogghignare ripensando a qualche sua faccetta buffa o immaginandolo intento in qualche attività. Poi, complice il posto rilassante e rigenerante, la cena passata chiaccherando tra noi senza 1000 interruzioni, siamo tornati una coppia.
Foto Agriturismo Ca de Figo è offerta da www.tripadvisor.it
Il tempo non era dei migliori, il che ci ha costretti a riposarci senza voler strafare e visitare tutto il possibile.
Siamo giunti all'agriturismo "Ca de figo"
adagiato sulle colline con un paesaggio che ci ricordava l'Islanda: piovigginava, faceva freddino, la piscina di acqua riscaldata fumava, ma la cordiale e simpatica accoglienza ci ha fatto presto dimenticare il resto.
vista dalla camera dell'agriturismo

Il giorno dopo il sole ci ha regalato una inaspettata giornata calduccia permettendoci di visitare Varzi.
Abbiamo passeggiato per le strette viuzze del borgo fortificato, pranzato divinamente al "ristorante caffe del centro" e assaporato il tipico salame DOP.
Ma il bello doveva ancora venire, infatti al rientro in agriturismo, ci siamo lasciati andare alle cure di Luca che ci ha accolto nella piccola ma completa spa dell'agriturismo. Qui si respira disponibilità, professionalità, cortesia, semplicità e rispetto per il relax dei clienti.

Il percorso prevede tepidarium, sauna, bagno turco, piscina riscaldata interna ed esterna, ma sapete qual'è stato il vero valore aggiunto? L'aver potuto soddisfare la nostra "sindrome da Milord" (che ci contraddistingue) : lunedì eravamo soli, cioè avevamo la stuttura tutta per noi ....!
La ciliegina sulla torta? scoprire che Luca pratica il watsu! Come non approfittarne?
Il watsu mi fà sempre l'effetto di sentirmi protetta dall'acqua calda come nella pancia della mamma, riesco a lasciarmi andare e mi sento come un'alga cullata dalla risacca del mare...QUESTA SI CHE E' VITA! Grazie mille per tutto a Luca. Speriamo di tornare presto, magari con il sole e la bella stagione.

venerdì 5 aprile 2013

Cu-Cù!

Esistono bambini a cui non piace fare CU-CU' ? o nascondersi per ore con l'intera famiglia che finge di disperarsi e chiama a gran voce
"Leonardo ci sei?"
"dove sarà andato?"
"non lo troviamo più!"
"sarà qui? Noooooo"
e possibilmente fare anche finta di piangere...


Diciamo che gli basta poco per sentirso nascosto alla perfezione, tipo una tenda che gli copra solo il viso o le manine sugli occhi, ecco.
 Questa estate ci faceva gli scherzi nascondendosi dietro ai muretti...
Sardegna, estate 2012
Ma devo dire che anche a casa ha scovato degli angolini impensabili!
I suoi preferiti sono un mini spazio sotto al lavandino in cucina dove ammassiamo i sacchetti di plastica (sperando sempre di riutilizzarli per non farcene consegnare di nuovi al supermercato, ma ormai è certo che i sacchetti si auto producono: ce ne sono sempre troppi!).
 O sotto al nostro divano!
 E ai vostri pupi dove piace nascondersi?

Riciclo creativo x bambini


Di che si tratta?! ma di una magnifica occasione per conoscersi, per condividere i nostri progetti e per farsi venire nuove idee geniali.
Dal 15 aprile, per 2 mesi, siete tutti invitati a partecipare con i vostri progetti di riciclo creativo da fare con i bambini, o per loro: giocattoli, attività, accessori, idee decor per la camera, creazioni per le feste...

Questa iniziativa è organizzata da Silvia mammabook .
Come si fa a partecipare? è semplicissimo, date una occhiata  qui e...partecipiamo numerosiiiiiiiii!